Come un grande specchio il video mi permetteva di vedere me stesso e le mie idee nello stesso istante in cui queste venivano pensate. La ricerca della bella immagine passava in secondo piano mentre assumeva una grande importanza il concetto. Successivamente il video è diventato per me quasi uno strumento musicale come estensione delle possibilità del performer in situazioni live.
Inserito da Michele Sambin il
11/10/2013
in
Ca' Pesaro, Moggioli e la contemporaneità a Venezia 1913-2013

Partecipo alla mostra con il video il tempo consuma (1978) e una serie di foto tratte dall'opera.
Inaugurazione sabato 19 ottobre ore 18 

Inserito da Michele Sambin il
30/05/2016
in
installazione

video documentazione dell'installazione realizzata per la mostra Percezioni instabili a cura di Sonia Belfiore

Inserito da Michele Sambin il
20/05/2016
in
La scena del tavolo con Flavia e Gianni

una scena molto significativa del percorso Tam TeatroCarcere

Inserito da Michele Sambin il
20/05/2016
in
corpi inqueti nell'oscurità

Un non luogo abitato da corpi giovani che con energia febbrile si rivolgono allo spettatore. Cosa vogliono?

Inserito da Michele Sambin il
20/05/2016
in
omaggio a Man Ray

La performance mette in vita la famosa foto di Man Ray. In situazione live è lo spettatore a creare la connessione tre i gesti sonori sul corpo del violoncello e il rapporto erotico con il corpo femminile.

Inserito da Michele Sambin il
15/10/2015
in
Looking for Listening, 1977-2015 e una selezione di suoi disegni e progetti su carta.

Nell'ambito del ciclo di incontri e mostre dedicati alla storia del video d'artista italiano tra gli anni Sessanta e Settanta, La VideotecaGAM presenta il lavoro di Michele Sambin Looking for listening, 1977-2015 e una selezione di suoi disegni e progetti su carta. 

Inserito da Michele Sambin il
11/10/2015
in
video performance per voce, cello, sax e telecamera

Reenactment 2015 della performance del 1977

Inserito da Michele Sambin il
06/10/2015
in
galleria de'Foscherari

visita virtuale alla mostra

Inserito da Michele Sambin il
08/09/2014
in
monografia a cura di Sandra Lischi e Lisa Parolo. Edizioni Cleup.

Questa è la prima monografia su Michele Sambin, pioniere da oltre quarant’anni della performance nel suo dialogo con le arti, fino al video e al digitale.

Inserito da Michele Sambin il
28/01/2014
in
video installazione

Video installazione ispirata all'Andrj Rublev di Tarkovskij

Pagine